Prefazione

Partendo dal vecchio Ponte del Giubileo che guarda il Teatro della Rosa di Pontremoli, situato in Lunigiana sulla Via Francigena, si intraprende un viaggio temporale ed emotivo, alla ricerca di un animo sensibile in grado di afferrare i sentimenti delle persone e delle cose che ci circondano. Un cammino che ci porterà alla scoperta del vero oro: i valori della vita. L’oro della giovinezza di un ragazzo con i capelli al vento che assapora il senso di libertà dal cassone del motocarro di suo nonno o dalla sella di un motorino insieme agli amici nelle calde estati di qualche anno fa. L’oro di un adolescente che compie i primi passi nell’incontro con l’altro.
L’oro di un uomo che mette la vita e l’amore sempre e comunque davanti a tutto. Uno spirito profondamente artistico, capace di emozionarsi davanti a un dipinto o ad una canzone, espressioni che diventano versi nell’intimità di un borgo storico fatto di sassi e di storie perdute. Perché l’età dell’oro non è solo nei ricordi idilliaci del tempo che fu, ma attraverso l’amore può diventare parte del nostro presente. Un amore riservato, vissuto a volte platonicamente, spesso in silenzio, lontano dagli sguardi indiscreti e per questo portatore di una forza ancora più dirompente.

E allora non ci resta che fermarci anche solo per un attimo sulla salita della nostra vita, prenderci per mano e guardare in alto le costellazioni del cielo cercando il Gran Carro. Al di là del buio si potrà scorgere il secondo ponte di arrivo, la meta del nostro viaggio, quello che ciascun uomo dovrebbe compiere per arrivare a dialogare con la propria anima.

Fabrizio Scarpi

Anno Edizione

Autore

Collana